1. Home
  2. Senza categoria
  3. EcoBonus e SismaBonus 110%: interventi “trainanti” e interventi secondari

EcoBonus e SismaBonus 110%: interventi “trainanti” e interventi secondari

22 Lug 2020

Il Decreto Rilancio 2020 introduce una detrazione pari al 110% per molte opere eseguite dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021. La detrazione è ripartibile in 5 anni, non più 10, ed è prevista la possibilità di cedere il credito o ricevere lo sconto in fattura. Si tratta dell’EcoBonus 110%.

Interventi “trainanti”

L’agevolazione del 110% si applica ad alcune opere cosiddette “trainanti” e a tutte quelle di riqualificazione energetica e sismica effettuate contestualmente a queste.

L’accesso al SuperBonus è, quindi, vincolato all’esecuzione di uno dei 3 interventi trainanti dell’EcoBonus, indicati nell’articolo 119 del decreto:

  • isolamento termico delle superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo;
  • interventi sulle parti comuni degli edifici per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici o alla microcogenerazione;
  • sostituzione su edifici unifamiliari degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a condensazione, con efficienza almeno pari alla classe A, a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi o geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici o alla microcogenerazione.

Interventi “trainati”

Se eseguiti congiuntamente ad almeno uno degli interventi trainanti su indicati, il SuperBonus 110% si estende anche a:

  • riqualificazione energetica globale dell’edificio;
  • coibentazione di pareti, tetti, solai e coperture;
  • sostituzione di finestre comprensive di infissi;
  • installazione di schermature solari e chiusure oscuranti;
  • interventi su parti comuni che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25% della superficie disperdente;
  • installazione di collettori solari termici;
  • sostituzione di generatore di calore con caldaia a condensazione;
  • sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generazione d’aria calda a condensazione o di apparecchi ibridi;
  • sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore;
  • installazione di generatore di calore a biomassa in edifici esistenti;
  • sistemi di building automation;
  • installazione di impianti solari fotovoltaici connessi alla rete elettrica;
  • installazione contestuale o successiva di sistemi di accumulo integrati negli impianti solari fotovoltaici agevolati;
  • installazione di infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.

Per i lavori di efficientamento energetico bisognerà dimostrare, tramite l’attestato di certificazione energetica, di aver conseguito il miglioramento di almeno due classi energetiche o il conseguimento della classe energetica più alta.

Per approfondimenti sulla massima detrazione prevista per ogni opera leggi il nostro articolo dedicato.

Il SuperBonus 110% darà sicuramente una scossa importante al settore edile, ma il processo per accedere alle detrazioni è abbastanza articolato e coinvolge diverse figure. Per agevolare le Banche e le Istituzioni finanziarie nella gestione del processo di acquisizione del credito di imposta, AATech ha deciso di offrire un supporto end-to-end ai loro clienti impresa.